Derby della Mole il 4 maggio, oggi si decide

1

Ci ha pensato l’Ajax a risolvere il problema del derby. La querelle a tre tra Torino, Juventus e Lega Serie A ha finalmente trovato una soluzione: con l’eliminazione dei bianconeri dalla Champions League, la stracittadina della Mole non si giocherà il 4 maggio, giorno sacro per il mondo granata. Senza le semifinali della coppa dalle grandi orecchie, infatti, sogno infranto contro i ragazzini olandesi di Erik ten Hag che martedì sera hanno sbancato l’Allianz Stadium e ieri hanno svolto la rifinitura mattutina in casa granata allo stadio Olimpico Grande Torino prima di ripartire verso Amsterdam, la formazione di Massimiliano Allegri correrà soltanto in campionato e non avrà necessità di scendere in campo il sabato. Così, tutto l’ambiente granata potrà partecipare alle iniziative per ricordare Valentino Mazzola e compagni nel giorno del 70° anniversario della tragedia di Superga. E dagli uffici milanesi della Lega di via Rosellini filtrano indiscrezioni sulla nuova data per il derby di Torino: si va verso la decisione di giocare venerdì 3 maggio alle 20.30. Una soluzione soltanto da ufficializzare, bisognerà attendere le disposizioni dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive. In Lega si tengono aperto lo spiraglio di domenica 5 maggio alle 15 come ipotesi alternativa, ma non dovrebbero esserci ulteriori sorprese: già in giornata è atteso il comunicato con lo spostamento del derby tra Juve e Toro al 3 maggio all’Allianz Stadium.
Intanto, il club di via Arcivescovado ha provato a fare chiarezza sul futuro dirigenziale tra possibili addii e possibili volti nuovi. «Non c’è stato alcun contatto o incontro del presidente Urbano Cairo con Riccardo Pecini, né con altri dirigenti sportivi» la nota divulgata dalla società circa le indiscrezioni di un possibile approdo sotto la Mole dell’attuale direttore tecnico dell’Empoli. E, nella medesima comunicazione, il club ha anche sottolineato l’importanza di Massimo Bava all’interno del settore giovanile, «area strategica all’interno della quale opera da sette anni con successo e reciproca soddisfazione», un possibile profilo per il ruolo di direttore sportivo. Da Roma, però, le voci di un Gianluca Petrachi possibile giallorosso non si placano: le indiscrezioni proseguono, saranno mesi decisivi per il futuro del direttore sportivo al Toro dalla stagione 2009/2010.