Pastore alla Roma: “Qui per vincere”

12

Il PSG è solo un ricordo, Javier Pastore riparte dall’Italia che l’ha lanciato e dalla Roma che ha investito nel suo talento: “La Roma è una grande squadra, in continua crescita. I contatti c’erano da un paio di mesi, volevo tornare in Italia ed eccomi qui… Sono felice della carriera che ho avuto, sono arrivato al Paris Saint-Germain che non vinceva niente e in sette anni abbiamo portato a casa 19 titoli, ma volevo provare una nuova esperienza e mettermi in discussione altrove per tornare a sentirmi importante. Al PSG ci sono tanti giocatori, ma giocano sempre quelli che devono giocare, cioè gli ultimi che arrivano. Neymar gioca sempre perché è un fenomeno, non potevo mettermi in concorrenza con lui…”. Sul suo ruolo nessun problema anche se un’idea ce l’ha: “A Parigi ho giocato a volte trequartista, nella prima stagione, a volte ala, a volte attaccante sinistro. Dal secondo anno ho giocato sempre mezzala a tre, è un ruolo che so fare, so che Di Francesco vuole mettermi l. Nell’ultimo anno ho fatto più l’attaccante, nella mia carriera ho metà anni da mezzala e metà da trequartista e attaccante, mi adeguerò alla formazione dell’allenatore”. Infine i suoi obiettivi: “La Juventus è fortissima e vince da sette anni, ma negli ultimi due ha fatto fatica: non vengo qua per rimanere al quarto, quinto, terzo posto. Giocheremo per arrivare il più vicino possibile ai bianconeri”.